Il mondo del caffè...

Produttori

Informazioni

Come conservare il caffè

Pubblicato in 2019-04-10

  • Come conservare il caffè

Torni a casa carica di borse. Ti siedi esausta e appoggi i gomiti sul tavolo della cucina. E sai che, sistemate le provviste, ti farai… una bella tazza di caffè!

Sì, proprio una di quelle che ti fanno sospirare contenta: sei finalmente a casa, a goderti la tua bevanda preferita.  Ne assaporerai l’aroma forte, persistente, intenso.

Poi i bambini correrranno indiavolati da una stanza all’altra, micio e cane si fermeranno davanti alle loro ciotole cercando, a modo loro, di attirare la tua attenzione. E il telefono squillerà, squillerà…

Bene, amica, sei sul punto di commettere un grave errore: dimenticare il pacchetto del caffè in un angolino.

Sciagura delle sciagure, perderà  le sue caratteristiche nel giro di due giorni, se in grani, e nel giro di due ore, se macinato!

La brava padrona di casa sa come conservare il caffè

Dunque, distinguiamo il caffè macinato dal caffè in grani. E vediamo come conservarli al meglio. E, soprattutto, cosa non fare.

Caffè macinato

Prima regola: se apri il pacchetto del caffè, versalo subito in un contenitore a chiusura ermetica.

Puoi scegliere tra un barattolo in acciaio, vetro o ceramica. Per quanto riguarda il vetro, è importante che sia scuro: il caffè non sopporta aria, umidità e luce.

Bisogna conservarlo in questo modo per combattere la perdita dell’aroma e anche per evitare che assorba altri odori. Mi è successo di lasciare il pacchetto di caffè aperto, con accanto una mezza cipolla. Un disastro! Il caffè sapeva disgustosamente di cipolla.     

I peggiori nemici del caffè

L’aria, l’umidità e la luce  lo fanno irrancidire: ecco perché il contenitore deve essere a chiusura ermetica.

Lancio anche  un altro consiglio. Va bene che il caffe si conserva a lungo: un barattolo non aperto scade in genere dopo diciotto mesi. Però, acquistarlo in quantità ridotte è una buona strategia per evitare inutili sprechi.

Dove conservare il caffè macinato

Le indicazioni date dai produttori decretano: conservare in luogo fresco e asciutto.

Posizionare i barattoli  di caffè accanto a pentole roventi o sotto lo scolapiatti non porterà a nulla di buono. Né darà ottimi risultati nasconderli sotto l’acquiao accanto alla candeggina o al vetril. Vostro marito, incline a non trovare mai niente in casa, di sicuro non sarà più in grado di farsi una tazzina di caffe.

Bisogna metterli in vista, questi contenitori della bevanda deliziosa. Tutti devono vederli, come entrano in cucina. Devono stare  su una mensola o nella credenza, al solito posto. Al solito posto, mi raccomando! Altrimenti perderete intere giornate a fare una caccia al tesoro.

Una mensola è un buon luogo, se è abbastanza alta da non essere raggiunta dai bambini o dal micio dispettoso.

Come conservare il caffè in grani

Fino a qualche anno fa ancora molti acquistavano il caffè in grani, che poi veniva macinato a casa.

Oggi l’offerta di caffè in grani è molto ridotta. Per rendersene conto basta guardare gli scaffali di un supermercato. Ai clienti viene offerto soprattutto caffè macinato.

Senz’altro, il caffè in grani maniene inalterate le sue caratteristiche più a lungo rispetto a quello macinato. Però, come capita con il caffè in polvere, non appena si apre la confezione, ha inizio un processo di perdita dell’aroma e, a lungo andare, di irrancidimento.

Quindi, è bene conservarlo in contenitori a chiusura ermetica in acciaio, vetro scuro, o ceramica.

Anche in questo caso i produttori suggeriscono un luogo fresco e asciutto.

Dove conservare il caffè in grani

I contenitori possono essere posizionati negli armadietti della cucina, o  su mensole bene in vista.

Conservare il caffè in frigo

La conservazione in frigo del caffè è un argomento che suscita più di una disputa. Molti sostengono che nel frigorifero le sostanze volatili del caffè tendono a evaporare più lentamente.

Altri sottolineano che sia un’operazione  da evitare a causa del freddo che  raffredda troppo i grassi conenuti sia nel caffè macinato che in quello in grani. Risultato: un gusto pessimo!  

Di fronte a questa tesi,  insorge la schiera dei sostenitori del caffè nel frigorifero. Conservare  così il caffè rallenta il processo di modificazione delle proprietà organolettiche, sostengono.

A chi è contro e a chi è a favore del caffè nel frigo auguro di riappacificarsi con una fumante  tazza di caffè.

E tu dove lo conservi? faccelo sapere nei commenti :D

COMMENTI

From Comment
Sonia
2019-04-10

Grazie per l'idea! ottimo articolo!

Inserisci un commento